Glossario per le Imprese che Esportano

Ambictionary

Cosa sono i Panda Bond? Qual è il significato di Bill of Exchange?

Nel percorso verso l’internazionalizzazione capita spesso di imbattersi in sigle, parole ed espressioni tipiche del linguaggio economico-finanziario.

Abbiamo raccolto in questa pagina i vocaboli e acronimi più utilizzati in ambito export: scopri insieme a noi come ampliare il tuo lessico professionale e parlare a nuovi mercati.

A

ABS - Asset-backed security

I titoli ABS sono strumenti finanziari, simili alle obbligazioni, emessi da una società veicolo e garantiti da collaterali, attività finanziarie di importo inferiore raggruppate per essere negoziate come pool (vedi Basket Bond).
Come le normali obbligazioni, gli ABS pagano al detentore una serie di cedole a scadenza prefissata, a tasso fisso o variabile.

Accordo a saldo e stralcio

Un accordo transattivo intercorrente tra debitore e creditore in virtù del quale il primo si impegna a corrispondere una somma di importo normalmente inferiore rispetto a quella originariamente pattuita.
B

Basket Bond

I basket bond sono uno strumento di finanza alternativa a supporto delle PMI che intendono accedere al mercato dei capitali per sviluppare progetti di crescita, innovazione e internazionalizzazione.
Questo strumento prevede l’emissione di un titolo (ABS) garantito da un pool di obbligazioni emesse da PMI e Mid Cap, con identiche caratteristiche in termini di durata e tasso, ma con ammontare differente. Il titolo ABS avrà ammontare pari alla somma dei singoli strumenti.
In questo modo, grazie al principio mutualistico, le PMI possono ottenere credito sostenendo costi più bassi.  

Bill of exchange

La Bill of Exchange, chiamata anche "cambiale tratta", è una modalità di pagamento di tipo giuridico che esprime l’impegno inderogabile del debitore che la emette di pagare una precisa somma di denaro entro una scadenza prestabilita a favore di un beneficiario estero.

Business interruption

La Business Interrumption è l'interruzione temporanea dell'attività produttiva dovuta a un imprevisto (ad esempio un guasto a un macchinario). E' un rischio da cui è possibile proteggersi con strumenti assicurativi che garantiscono il mancato guadagno derivante dalla perdita dei beni e servizi che sarebbero stati prodotti senza l'interruzione dell'attività.
C

Cash collateral

Con Cash Collateral si intende una somma di denaro generalmente depositata in un conto corrente bancario messa a garanzia di una operazione.

Categoria Consensus

Categoria stabilita dall’omonimo Accordo internazionale in ambito OCSE che definisce i termini massimi di dilazione di pagamento per le operazioni di credito all’esportazione a MLT. Tali dilazioni massime sono di 5 anni – con possibile estensione fino a 8,5 – per i paesi di 1a categoria Consensus (ovvero i paesi a reddito medio-alto, secondo le classificazioni della Banca Mondiale); di 10 anni per quelli di 2a categoria Consensus (ovvero tutti gli altri, a reddito basso); da 5 a 15 anni per le operazioni riguardanti la costruzione di navi, aerei, centrali elettriche convenzionali e nucleari, che sono disciplinate da specifica regolamentazione; fino a 14 anni per le operazioni di project finance.

Categoria OCSE

Categorie che misurano la probabilità che il Paese non onori il servizio del debito nel medio-lungo termine (probabilità di default). Le categorie sono 8 (dove 0 è un rischio trascurabile e 7 è il rischio massimo), che definiscono il MPR (Minimum Premium Rate), ovvero il premio minimo applicabile dalle agenzie di credito all'esportazione (ECA) per il rischio sovrano a MLT. Il Minimum Premium Rate non si applica ai paesi di categoria 0. Le ECA possono adottare criteri di classificazione dei paesi diversi da quello OCSE, tuttavia, esse sono comunque tenute ad applicare il premio minimo legato alla categoria OCSE per la copertura del rischio sovrano. I paesi sono suddivisi per aree geografiche e esaminati a cadenza periodica attraverso un modello denominato CRAM (Country Risk Assessment Model) che include indicatori economico-finanziari e esperienza di pagamento delle ECA, oltre che un aggiustamento qualitativo del risultato, in base a fattori non considerati nel modello (situazione politica, tensioni sociali, coerenza e sostenibilità della politica economica).

Co-insurance

La co-insurance è la quota di scoperto obbligatorio ossia la parte della perdita di un indennizzo che rimane a carico dell’assicurato.

Condizioni Speciali di Polizza (CSP)

Insieme di clausole contrattuali riferite agli Eventi Generatori di Sinistro (EGS) coperti dal contratto assicurativo.

Consensus

(vedi categoria consensus)

Country Risk Assessment Model (CRAM)

Modello statistico creato in sede OCSE che elabora per ogni paese i dati economico-finanziari e quelli relativi all’esperienza di pagamento delle ECAs, fornendo come risultato la probabilità di default a MLT del debitore sovrano. Tale risultato è quindi convertito in categorie di rischio (cfr. categorie OCSE) preliminari, che vengono poi discusse in sede OCSE ed eventualmente modificate per tenere conto di elementi qualitativi non inclusi nel modello (quali la situazione politica e la coerenza della politica economica). La categoria finale approvata definisce il premio minimo o Minimum Premium Rate.

Credito all'esportazione

Operatività che beneficia della garanzia dello Stato italiano, nel rispetto della normativa OCSE per i crediti di durata pari o superiore ai 24 mesi.
D

Data di efficacia

La data dalla quale la polizza inizia a produrre gli effetti su quanto stipulato.

Default

Condizione di insolvenza di un soggetto giuridico determinata dal mancato rispetto delle obbligazioni contratte.

Deflusso di capitali

Tale deflusso è uno dei rischi politici che si possono riscontrare in una commessa commerciale. Si ha quando le entrate derivanti dalla vendita di attività finanziarie all'estero sono inferiori ai pagamenti relativi agli acquisti di attività estere da parte del proprio Paese, creando così una disparità nei conti relativi ai movimenti di capitale.

Denuncia di mancato incasso

Comunicazione che l’Assicurato è tenuto a fare non appena a conoscenza dell’inadempimento da parte del debitore.

Dilazioni di pagamento

La dilazione di pagamento è la proroga della data di scadenza del pagamento di un credito.

Due date

Data entro la quale l'acquirente deve pagare il proprio debito in base a quanto previsto dal contratto di vendita.
E

Esposizione

È costituita dal complesso delle posizioni di SACE (attive e indennizzate) verso un determinato paese ed è espressa in milioni di euro. È composta da: impegni in essere, sinistri in corso e indennizzi da recuperare. Gli impegni in essere scaturiscono dall’assunzione di nuove coperture assicurative e sono costituiti dagli importi per cui SACE è ancora a rischio, in quanto l'operazione sottostante non è ancora conclusa; sono suddivisi in breve (durata inferiore a 24 mesi) e medio-lungo termine (oltre 24 mesi). I sinistri in corso raggruppano i mancati incassi, le richieste di indennizzo e gli indennizzi deliberati da pagare. Gli indennizzi da recuperare sono le somme che SACE ha pagato all’assicurato in seguito al verificarsi di un evento generatore di sinistro (EGS) e che costituiscono quindi per SACE un credito nei confronti del debitore/garante dell’operazione indennizzata, soggetto ad azione di recupero.
 

Estensione media del credito

Periodo medio che intercorre tra la consegna del prodotto/l'erogazione del servizio e la data di scadenza della fattura.

Estinzione del debito

Chiusura di un obbligo finanziario nei confronti di un soggetto debitore.

Evento Generatore di Sinistro (EGS)

Fatti o circostanze che devono verificarsi al fine di causare direttamente un sinistro. L'Evento Generatore di Sinistro è indicato nelle Condizioni Speciali di Polizza (C.S.P.) e il suo verificarsi genera l’obbligo per SACE di corrispondere all’Assicurato l’Indennizzo, nel rispetto delle procedure indennitarie della società.
 

Export Credit Agency (ECA)

L'agenzia di Credito all'Esportazione è un ente governativo o semi-governativo che svolge diverse attività di intermediazione tra i governi nazionali e gli esportatori, con la finalità di favorire le esportazioni da e verso il determinato Paese di cui sono rappresentanti.
 
F

Fondo 394/81

Risorse messe a disposizione dal Mise e gestite da SIMEST, finalizzate ad agevolare l'ingresso delle pmi in nuovi mercati attraverso i finanziamenti agevolati per l'internazionalizzazione.
 

Fondo per la Crescita Sostenibile (FCS)

Risorse gestite da SIMEST e destinate a finanziare programmi di internazionalizzazione delle pmi con precise caratteristiche: apertura di una struttura costituita da un solo ufficio, un solo negozio o corner (escluso show room) e non deve prevedere Paesi di proiezione, ma solo un unico Paese di destinazione. Inoltre le imprese beneficiarie si impegnano a non aprire, nel Paese di destinazione, ulteriori strutture nei 3 anni successivi alla concessione del finanziamento. La misura minima della garanzia richiesta è modulata in base alla classe di rating (valutazione economico-finanziaria) e alla dimensione dell'impresa, secondo i criteri deliberati dal Comitato Agevolazioni.
 

Franchigia

La franchigia è quella parte della perdita che deve essere di competenza dall’assicurato in base a quanto stabilito a monte in polizza.

Franchigia assoluta

La franchigia assoluta è la somma, stabilita in fase di contratto, che rimane a carico dell’assicurato. Non si ha diritto al risarcimento qualora il danno sia pari o inferiore all’importo corrispondente alla franchigia. Se il danno è superiore alla franchigia, il risarcimento sarà pari alla differenza tra l’ammontare del danno e la franchigia stessa.

Franchigia relativa

La franchigia relativa è la somma, stabilita in fase di contratto, che rimane a carico dell’assicurato. Non si ha diritto al risarcimento qualora il danno sia pari o inferiore all’importo corrispondente alla franchigia. Si differenzia dalla franchigia assoluta poiché, in caso di danno superiore alla franchigia, il risarcimento è integrale.

Free Trade Agreement (FTA)

La FTA (Free Trade Agreement) è un accordo commerciale tra due o più paesi, volto a eliminare barriere tariffarie (e non) per agevolare i loro scambi.
 
G

Garante

Individuo/società/banca che si impegna o garantisce per il pagamento di un debito nei confronti di un assicurato.

Garanzia accessoria

Bene, diritto o altro prestato dal debitore o da un terzo come garanzia per incrementare il limite di credito da parte dell’assicurato.

Garanzia finanziaria

La garanzia finanziaria permette alla tua impresa di accedere più facilmente ai finanziamenti bancari. Le imprese, per ricevere tale garanzia, si rivolgono a SACE che assicura i creditori del ritorno sia di capitale sia degli interessi in caso di insolvenza del debitore.
I

Icegate

Icegate è il portale lanciato dal governo indiano per agevolare gli scambi commerciali con l'estero.
 

IDE

L'investimento diretto estero (IDE) rappresenta una forma di internazionalizzazione delle imprese nella quale vengono indicati i flussi di investimenti effettuati in Paesi diversi da quello di provenienza.

Indebita escussione delle fideiussioni

La fideiussione è il contratto con il quale un soggetto (fideiussore) garantisce per un il pagamento di un’obbligazione appartenente a terzi impegnandosi direttamente verso il creditore. Tale somma non può eccedere quanto stipulato dal debitore inadempiente né può subire un aumento delle condizioni. L’escussione indebita (o detta anche abusiva) di una fideiussione consente, qualora sia riconosciuta giuridicamente, di poter sollevare eccezioni sul contratto di garanzia e sul relativo rapporto di garanzia stabilitosi. Tale escussione può essere assicurata tramite SACE al fine di tutelare sia il garante che l’ordinante della garanzia.
 

Indennizzo

Somma dovuta dall'assicuratore a titolo di riparazione dal danno subito da un proprio assicurato a seguito di un sinistro.
 

Indicatori di rischio

Ogni anno SACE rivede la propria mappa dei rischi a beneficio degli esportatori italiani, individuando i luoghi dove è maggiormente pericoloso (e, di contro, sicuro) effettuare commerci internazionali in relazione ai principali pericoli di mancato pagamento delle controparti sovrane, mancato pagamento delle controparti bancarie, mancato pagamento della controparte corporate, esproprio e violazioni contrattuali, rischio guerra e disordini civili, trasferimento capitali e convertibilità.
 

Insolvenza di diritto

Si parla di insolvenza di diritto nei casi di mancato pagamento. Viene definito "di diritto" in due circostanze:

a) il debitore ha dichiarato fallimento o tenta il risanamento attraverso il concordato preventivo;
b) a seguito di un concordato stragiudiziale o equivalenti che il debitore può opporre ai creditori.

Insolvenza di fatto

Si parla di insolvenza di fatto nei casi di mancato pagamento. Viene definito "di fatto" in due circostanze:

a) l'ordinamento giuridico del Paese del debitore conferma l'assenza di beni assoggettabili a misure esecutive;
b) entrambe le parti concordano sul fatto che un pagamento (anche parziale) o un'esecuzione forzata, anche di tipo concorsuale, può risultare poco rilevante in relazione all'ammontare delle spese giudiziarie da sostenere.

L

Lettera di Credito e Post-Financing

La lettera di credito (L/C) rappresenta una forma di pagamento per le aziende e i fornitori che commerciano con l’estero. E’ un credito documentario che permette di minimizzare i problemi di insolvenza in quanto emessa direttamente dalla banca e non dall’acquirente. In questo modo la banca, in quanto entità più affidabile, si fa garante della transazione monitorandone tutte le fasi. Inoltre la polizza Conferme di Credito Documentario assicura il rischio di insolvenza della banca estera che conferma la L/C.

Limite di Credito

Copertura massima approvata a monte e autorizzata dall’assicuratore in base ai rischi cui si espone.

Limite di esposizione per Paese

Questo limite definisce la massima esposizione approvata o autorizzata dall’assicuratore per un particolare Paese.
M

Mancato incasso

Comunicazione che l’Assicurato è tenuto a fare non appena viene a conoscenza dell’inadempimento da parte del debitore (Denuncia di Mancato Incasso).
 

Mancato pagamento controparte bancaria

È il rischio che una controparte bancaria non onori le obbligazioni derivanti da contratto. La mappa dei rischi non cambia rispetto a quella già osservata per il pericolo di mancato pagamento della controparte sovrana.
 

Mancato pagamento controparte corporate

È il rischio che l’azienda controparte non onori le obbligazioni derivanti da contratto. In questo caso i rating risultano essere più rischiosi rispetto ad altri, in virtù della minore solvibilità della controparte corporate rispetto a quella bancaria o sovrana.
 

Mancato pagamento controparte sovrana

È il rischio che una controparte coperta da garanzia sovrana non onori le obbligazioni derivanti da contratto.
 

Mancato perfezionamento

Garanzie concesse per le quali non è avvenuto il pagamento del premio.
 

Mark to market

Valutazione che utilizza dati di mercato rappresentativi degli strumenti che si stanno valutando: tassi di interesse, spread, rendimenti ecc.
 

Massimale

Importo massimo che l’ente assicuratore è tenuto a pagare rispetto a quanto previsto dalla polizza stipulata.

Mercato domestico

Un mercato è definito domestico quando le attività commerciali tra acquirenti e debitori risiedono nello stesso Paese. Tuttavia si sta sviluppando la concezione di definire domestico un mercato che utilizza la stessa valuta di scambio, ad esempio un'attività commerciale in un mercato che coinvolge due Paesi europei.

Merito di credito

Il merito di credito, o merito creditizio, rappresenta la valutazione che conferma l’affidabilità di un soggetto a livello economico e finanziario. In altre parole chi eroga un credito definisce, attraverso il merito creditizio, la capacità di rimborso del debitore.
 

Minimum Premium Rate (MPR)

Tasso minimo di premio, stabilito in sede OCSE che le Agenzie di credito all'esportazione (ECA) si impegnano ad applicare per le operazioni di assicurazione del rischio del credito a medio-lungo termine.
 
O

Obbligo di notifica

L’obbligo che l'assicurato ha nei confronti dell’assicuratore di informare in merito a cambiamenti relativi a particolari punti del contratto.

Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE)

L’OCSE (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico), chiamata anche OECD (Economic Co-operation and Development) è un’organizzazione internazionale con sede a Parigi che lavora per gli Stati membri operanti nello stesso ambiente economico. Questa organizzazione permette un confronto continuo e la possibilità di cooperazione per il raggiungimento di obiettivi comuni tra i Paesi membri, coordinando i sistemi politici a livello internazionale. Al momento l’organizzazione consta di 36 membri.
 
P

Panda bond

I Panda Bond sono titoli obbligazionari destinati ad investitori istituzionali che operano in Cina, i cui proventi verranno utilizzati per finanziare gli investimenti di aziende italiane in Cina.

Polizza CAR (Construction All Risk)

La polizza CAR assicura i danni materiali e diretti alle opere, in corso di realizzazione o preesistenti, e quelli involontariamente cagionati a terzi.

Polizza EAR (Erection All Risk)

La polizza EAR assicura i danni connessi alla costruzione e installazione di macchinari e impianti.

Premio

Prezzo che il contraente paga per trasferire il rischio in capo all’assicuratore. Il pagamento del premio costituisce, di regola, condizione di efficacia della garanzia. I premi possono essere: unici o periodici. Il premio, sia esso unico o periodico, può essere rateizzato.
 

Premio lordo

Corrispettivo complessivo spettante all'assicuratore, generato dalla garanzia perfezionata e riferito all'intero periodo di copertura.
 

Pricing to risk

Calcolo del premio utilizzando la procedura mark to market.
 

Promissory note

La Promissory Note, conosciuta in Italia come “cambiale pagherò” è una modalità di pagamento di tipo giuridico che esprime l’impegno inderogabile del debitore che la emette di pagare una precisa somma di denaro entro una scadenza prestabilita a favore di un beneficiario estero.
 
R

Riscadenziamento

Variazione delle scadenze che posticipano il pagamento.

Rischi marketable

Secondo la normativa Ocse, rischi politici e commerciali relativi a crediti di durata inferiore ai 24 mesi e a debitori aventi sede nei Paesi membri dell'Unione Europea e negli altri Paesi di prima categoria del'area Ocse.
 

Rischi non-marketable

Secondo la normativa Ocse, rischi politici e commerciali relativi a crediti di durata superiore ai 24 mesi o verso debitori non aventi sede nei Paesi membri dell'Unione Europea o negli altri Paesi di prima categoria del'area Ocse.
 

Rischio ambientale

Insieme di probabilità che esprimono il rischio di un fenomeno naturale di provocare danni di diverso calibro sulle procedure aziendali e quindi sul perseguimento degli obiettivi. In SACE l’analisi dell’impatto ambientale e sociale delle operazioni è parte integrante del processo di valutazione, non solo per il credito all’esportazione, come previsto dall’OCSE, ma per molti dei prodotti assicurativi sviluppati a sostegno delle aziende clienti.
 

Rischio bancario

Rischio relativo a operazioni assistite da garanzia bancaria.
 

Rischio commerciale

Rischio che la situazione finanziaria di un debitore metta a rischio la sua solvibilità.

Rischio corporate

Rischio relativo a operazioni con controparte privata.
 

Rischio di cambio

Il rischio di cambio è quel rischio che può sorgere su operazioni commerciali e finanziarie con l'estero per via della forte variabilità dei cambi causando effetti economici negativi. Tale rischio, che può essere assicurato, è legato alla fluttuazione della valuta, a transizioni da un sistema valutario all'altro o nei passaggi da cambio fisso a cambio variabile.
 

Rischio di credito

Il rischio di credito nasce nel momento in cui un creditore permette l’emissione di qualunque tipo di debito. Tale rischio viene misurato con due parametri: il “rating”, che misura l’affidabilità del debitore, e il CDS (Credit Default Swap), una sorta di assicurazione contro il fallimento di un emittente. SACE ha elaborato un Indicatore di Rischio di Credito che fornisce una classifica di tutti i Paesi del mondo in base a tre diverse tipologie di rischio che riguardano rispettivamente il mancato pagamento controparte sovrana, controparte bancaria e controparte corporate.
 

Rischio di esproprio e violazione contrattuale

È il rischio che il governo eserciti azioni che privino di proprietà o controllo nel Paese o modifiche ai relativi impegni contrattuali assunti dal governo o da enti pubblici.
 

Rischio di guerra e disordini civili

È il rischio che episodi di violenza, tumulti, sabotaggi o attentati causino un danno fisico e/o finanziario alle attività detenute nel Paese.
 

Rischio di produzione

Il rischio di produzione si può verificare a seguito di una revoca o sospensione dell’ordine, con il mancato ritiro della merce, oppure nel caso di  cambiamenti nei sistemi finanziari dell'acquirente/dello Stato.

Rischio di revoca della commessa

La revoca della commessa è l'annullamento o l'invalidamento di una forniture di bene e/o servizi. Tale rischio è noto anche come rischio di produzione.
 

Rischio di trasferimento

Il rischio di trasferimento è un rischio politico e riguarda la decisione delle autorità di adottare restrizioni sui movimenti di capitali; in questi casi lo Stato può trovarsi a corto di riserve valutarie imponendo di conseguenza delle restrizioni ai pagamenti verso l’estero, impedendo al creditore il rimpatrio di dividendi e profitti.

Rischio politico

SACE ha elaborato un Indicatore di Rischio Politico che fornisce una classifica di tutti i Paesi del mondo in base a tre diverse tipologie di rischio: rischio di esproprio, rischio di mancato trasferimento dei capitali, rischio di violenza politica.Tale indicatore prende in considerazione gli aspetti prettamente legati agli investimenti all’estero.
 

Rischio sovrano

Il rischio sovrano è quel particolare rischio che riguarda la capacità o la volontà del debitore sovrano di onorare gli impegni di pagamento. Si riferisce anche al rischio di default di un governo estero su un prestito emesso o garantito dallo stesso governo.
 

Riserva di proprietà

Clausola relativa ad un accordo di vendita che riserva al venditore il diritto di proprietà del bene venduto fino a che l'acquirente non abbia saldato il totale pagamento del bene in questione.

Ristrutturazione del debito

È una procedura stragiudiziale soggetta alla finale approvazione del Tribunale che prevede, per il debitore in stato di crisi, la possibilità di concludere accordi con i creditori che rappresentano almeno il 60% dei crediti.
 
S

Sconto pro soluto

Lo “sconto pro soluto” è una forma di finanziamento che prevede la cessione del credito rappresentato da titoli o impegni di pagamento emessi da banche pro-soluto, cioè con piena assunzione di rischio da parte dell'acquirente e quindi senza possibilità di rivalsa verso il creditore cedente, il quale riceve come corrispettivo il valore attuale del credito. Lo strumento permette all'assicurato, una volta ottenuta la copertura assicurativa per il rischio di credito, di trasferirne i benefici a favore di una banca o di un intermediario finanziario (voltura di polizza), ai fini dello sconto pro-soluto dei titoli di credito (Promissory Notes o Bill of Exchange).
 

Scoperto di polizza

L’importo minimo che l’assicurato deve sostenere autonomamente per ogni perdita o mancato pagamento indennizzato. 

Smart Production

La Smart Production è l'innovazione digitale applicata ai processi industriali, resa possibile grazie all'accesso ai big data, alla interconnessione continua e alla capacità di centralizzazione e analisi dei dati.
 

Sottoscrizione del rischio

Valutazione della situazione patrimoniale del debitore effettuata dall'assicuratore per definire un limite di credito.

Stragiudiziale

Una procedura si intende stragiudiziale quando si svolge al di fuori del tribunale e senza la presenza di un giudice, mantenendo tuttavia l’obbligo di non violare eventuali norme di legge. Il Recupero Crediti prevede la gestione delle attività stragiudiziali nei casi di crediti insoluti.
T

Termine costitutivo di sinistro

Termine convenzionale stabilito in polizza alla cui scadenza si ritiene costituito il sinistro e dopo il quale l’Assicurato ha diritto a chiedere che venga corrisposto l’indennizzo.
 

Trasferimento capitali e convertibilità

È il rischio che il governo adotti delle misure che impediscano la conversione o il rimpatrio dei profitti derivanti dall’investimento o del capitale investito nel Paese.
 
V

Volatilità

La volatilità è una misura della variazione percentuale del prezzo di uno strumento finanziario nel corso del tempo. A una volatilità elevata corrispondono variazioni di prezzo più accentuate e, viceversa, a una bassa volatilità corrispondono variazioni di prezzo più contenute.
 

Voltura di polizza

La voltura di una polizza permette la nomina per il contratto di assicurazione a un intermediario finanziario, ottenendo così liquidità immediata e scontando pro soluto il credito assicurato con Credito Fornitore.