Sasso nello stagno 03 dicembre 2020

Tre presidenti in una settimana, ma il Perù riparte

Nonostante il secondo impeachment in pochi mesi contro il presidente in carica e una nuova fase di instabilità politica nel Paese, il Perù, sesto mercato nell’area, rimane una meta strategica per i nostri esportatori e sarà importante intercettare al meglio la ripartenza della domanda nei prossimi trimestri.
Il secondo impeachment in pochi mesi contro il presidente in carica Vizcarra ha raccolto a sorpresa il voto favorevole di 105 membri del Congresso peruviano su 130, determinando la decadenza del presidente e una nuova fase di instabilità nel Paese andino. Vizcarra, accusato di aver preso tangenti da due imprese di costruzione nel 2013 quando era governatore del dipartimento di Moquegua, paga l’assenza di un partito forte a suo sostegno e i provvedimenti anticorruzione che lo hanno reso sì uno dei leader più popolari dell’attuale panorama latinoamericano, ma al contempo inviso a buona parte del Congresso, in cui oltre la metà dei membri è sotto indagini a vario titolo.

 

A Vizcarra è succeduto il presidente del Congresso Merino, ma il suo esecutivo è rimasto in carica per soli sei giorni a causa delle più intense proteste popolari degli ultimi due decenni contro un “golpe mascherato”. Per uscire dall’impasse il Congresso ha designato quale presidente l’esperto tecnocrate Sagasti, uno dei pochi parlamentari ad aver votato contro l’impeachment, entrato in carica il 17 novembre. A lui il compito di traghettare il Paese verso le elezioni generali dell’aprile 2021 e garantire un ordinato passaggio dei poteri nell’anno del bicentenario dall’indipendenza

Vizcarra non è che l’ultimo presidente peruviano a essere sotto inchiesta per corruzione, come tutti i suoi predecessori dal 2000 in avanti: i rapporti tra politica e potere giudiziario rimangono un nervo scoperto del Paese e sono destinati a rimanere un fattore di rischio nel medio periodo, insieme all’elevata frammentazione parlamentare che riflette la pluralità di orientamenti dei cittadini peruviani, ma anche l’estrema debolezza del sistema partitico (Fig.1).

 

Fig.1 Evoluzione della frammentazione partitica nel Congresso peruviano dal 2006 a oggi

SACE frammentazione politica congresso peruviano

Le elezioni 2021 saranno cruciali per capire dove andrà il Paese, se procederà o meno nel solco delle politiche degli ultimi lustri che ne hanno fatto una delle economie più dinamiche a livello globale. Il tremendo impatto di Covid-19 potrebbe rimescolare le carte. Più di un peruviano su mille è morto a causa del virus: si tratta del terzo peggior dato mondiale per milione di abitanti, aggravato dal fatto che il Perù è un Paese demograficamente “giovane”. Cosa è andato storto? Tra i possibili motivi la vasta economia informale, l’elevata densità di popolazione nell’area di Lima (oltre un terzo degli abitanti totali) e un sistema sanitario segmentato tra assistenza privata di qualità e pubblica carente.

Il milagro peruano è definitivamente alle spalle? Dopo due decenni di crescita ininterrotta il Perù sta sperimentando un’acuta recessione (-13,9%) e il PIL pre-Covid sarà raggiunto solo nel 2023. Il Paese però, grazie a fondamentali solidi, ha impostato le più ampie politiche fiscali anticicliche tra le sei maggiori economie dell’area e gode di ulteriori margini grazie al debito pubblico sotto controllo (39,5% del PIL) e all’elevata dotazione di riserve valutarie (30% del PIL). Nonostante l’attuale fase di difficoltà il Perù, sesto mercato nell’area, rimane una meta strategica per i nostri esportatori e sarà importante intercettare al meglio la ripartenza della domanda nei prossimi trimestri.

Desideri ulteriori informazioni?
Compila il modulo e ti risponderemo al più presto.
Update Espresso 18 dicembre 2020
Il nostro Chief Economist Alessandro Terzulli traccia un bilancio del 2020, un anno particolarmente difficile, che volge al termine, segnato da uno shock senza precedenti che ha impattato significativamente sull’economia mondiale e nazionale.
Varie 16 dicembre 2020
L'export italiano di beni mostra una contrazione del 12% nei primi dieci mesi dell'anno, rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.
Sasso nello stagno 15 dicembre 2020
Seconda area di libero scambio al mondo, l’AfCFTA collegherà 1,3 miliardi di persone in 53 economie (tutta l’Africa tranne l’Eritrea) con un Pil complessivo di $3.400 miliardi. L’accordo promette di contribuire a quella crescita delle produttività in grado finalmente di integrare l’Africa nei commerci internazionali di prodotti a maggiore valore aggiunto.