Paesi
Paesi
04/05/20

Tutela del marchio nel mercato cinese

Autore
Roberto C.
Domanda
Quali accorgimenti posso adottare per tutelare il mio marchio nell'operare in Cina?
Redazione SACE
Redazione SACE SIMEST
Risposta

La registrazione del marchio è un passaggio molto importante per proteggersi dal punto di vista economico e legale nell'operare sul mercato cinese, dove la contraffazione è un fenomeno da considerare con doverosa cautela.

 

Prima ancora di avviare trattative commerciali, o di partecipare ad appuntamenti internazionali in cui si espone il proprio prodotto, è buona norma procedere con la registrazione del marchio presso l'Ufficio Marchi e Brevetti cinese competente.

Il sistema cinese di registrazione dei marchi si basa sul principio del "first to file", in base al quale chi per primo registri un marchio ne è il legittimo proprietario.

Generalmente si procede alla contemporanea registrazione del marchio sia in caratteri latini che in ideogrammi cinesi, non solo per tutelarsi dall'eventualità che lo stesso bene venga registrato in cinese da parte di terzi, ma anche per assicurarsi di scegliere un nome in cinese ben ponderato, che ispiri la giusta dose di fiducia nel consumatore cinese, aumentandone l'interesse. 

 

La registrazione del marchio dura 10 anni ed è possibile rinnovarla per un ulteriore periodo di 10 anni. 

Il sistema vigente in Cina prevede, infatti, ben 45 classi merceologiche diverse, ciascuna delle quali si compone di ulteriori e numerose sottoclassi. Non esistono però i depositi multi-classe, vale a dire non è possibile depositare il proprio marchio contemporaneamente per differenti prodotti e servizi appartenenti o catalogati in diverse classi merceologiche.

Di conseguenza, sarà obbligatorio depositare ciascun singolo marchio per ogni singola classe merceologica di proprio interesse. I costi da sostenere potrebbero pertanto divenire più onerosi, ma ciò è necessario per evitare che un marchio già registrato in una determinata classe sia poi registrato (ed utilizzato impropriamente) da terzi in classi differenti.